Via R. Antiochia, 4 – 05100 Terni
0744 425590
tric811001@istruzione.it

Made in Umbria

Il Programma “Made in Italy – Un modello educativo” è stato lanciato dal MIUR nel Novembre del 2015 con l’idea di accompagnare gli alunni nella comprensione della tradizione italiana ricercando le radici storiche, economiche, culturali e territoriali che fanno di questo marchio un unicum al mondo.

Il progetto rientra nell’ambito del Piano nazionale per la promozione della cultura del Made in Italy e prevede uno stanziamento di tre milioni di euro per gli istituti di ogni ordine grado, costituiti anche in reti di scuole.

https://www.youtube.com/watch?v=Q9GWmZKgFxE&t=6s

Il nostro Istituto è stato selezionato, unica scuola della provincia di Terni e Secondaria di Primo Grado in Umbria tra i cinque Istituti individuati come destinatari dei fondi, grazie al progetto intitolato “Made in Umbria”, incentrato su un percorso di conoscenza delle eccellenze territoriali della provincia di Terni. I fondi erogati dal MIUR ammonteranno a 43.875,94 euro.

Le candidature pervenute sono state 325, tra le quali sono stati individuati 66 progetti vincitori, giudicati secondo i parametri dell’originalità e dell’innovazione attraverso le quali proporre iniziative in grado di ricostruire e valorizzare le radici culturali del proprio territorio tramite le arti, il cinema, il teatro, la musica, il design, la moda, l’artigianato locale, la cucina, i prodotti agroalimentari e audio-video.

Il bando proponeva tre aree all’interno delle quali avanzare le proposte: “Diffusione della cultura italiana nel mondo”, “Caratteristiche economiche e produttive del Made in Italy” e “Realizzazione di eventi all’estero per la valorizzazione del Made in Italy”.

L’IC De Filis, nel ruolo di capofila, in rete con l’IO Laporta di Fabro, si è proposto di coinvolgere gli studenti in percorsi di conoscenza, analisi e promozione di alcune eccellenze enogastronomiche e microimprenditoriali per prodotti di nicchia del territorio provinciale che affiancano un elevato grado di innovazione a un tessuto artigianale tradizionale. Un’ulteriore partnership con la Coldiretti di Terni è stata attivata per offrire una più approfondita conoscenza delle realtà territoriali.

 

Lo sviluppo del progetto, iniziato nel febbraio 2016, attraversa varie fasi.

      • La prima fase riguarda la conoscenza dei prodotti enogastronomici, artigianali e industriali che caratterizzano il territorio.
      • La seconda fase prevede una serie di incontri di formazione con esperti esterni rivolti alle classi e al personale docente che forniscano elementi del linguaggio audiovisivo utili per la costruzione di spot promozionali sui prodotti individuati.
      • La terza fase si occupa della creazione del sito internet www.madeinitalyumbria.it, coinvolgendo gli studenti nella elaborazione del layout grafico attraverso piattaforma wordpress, nella strutturazione delle pagine e del menù e nell’inserimento di materiali multimediali e loro aggiornamento.
      • La quarta fase prevede la progettazione e realizzazione degli spot in collaborazione con gli esperti della PARS Film con modalità differenti in base al grado scolastico coinvolto.
      • La quinta fase finalizzerà la costruzione del sito e concluderà il progetto con un evento di presentazione nel mese di dicembre 2016.

Ciascuna delle classi coinvolte ha individuato un prodotto da trattare secondo uno specifico punto di osservazione determinato dal grado scolastico: la quotidianità per la Scuola dell’Infanzia, memoria e intercultura nella Primaria, tradizione e innovazione nella Secondaria.

Le classi dell’IC De Filis propongono pertanto i seguenti prodotti:

      • Infanzia – Pane di Terni
      • Primaria – Panpepato e Olio
      • Secondaria:
      • 3^C – Mater-Bi
      • 3^E – Vino Ciliegiolo
      • 3^H – Stoffa Alcantara

Le classi dell’IO Laporta propongono:

      • Primaria – Terracotta
      • Secondaria – Tartufo
      • Ist. Agrario – Carne chianina

Il progetto sviluppa negli studenti interesse e conoscenza per il proprio territorio, le sue tradizioni e le sue eccellenze, familiarizzandolo con i più moderni strumenti di comunicazione e l’utilizzo delle TIC e coinvolgendo molteplici competenze europee di cittadinanza quali comunicazione nella madrelingua, competenza digitale, imparare a imparare, competenze sociali e civiche, spirito di iniziativa e imprenditorialità e consapevolezza ed espressione culturale.

Il progetto è stato premiato agli “Smart Education & Technology days – 3 giorni per la scuola”, la convention organizzata da Fondazione Idis-Città della Scienza e patrocinata dal MIUR.

 

Made in Umbria: grande successo per l’evento finale

L’evento conclusivo del progetto “Made in Umbria” si è tenuto presso il CAOS di Terni durante l’intera giornata di venerdì 16 dicembre 2016, l’evento conclusivo del progetto “Made in Umbria”.

Nella giornata, gli studenti coinvolti hanno presentato, nella sala Carroponte, le eccellenze selezionate nel nostro territorio in apposite postazioni che uniranno il multimediale delle presentazioni digitali e degli spot, ai prodotti esposti.

Nello Studio1 invece è stato possibile visionare il sito dedicato al progetto www.madeinitalyumbria.it, mentre la sala dell’Orologio ospiterà nella mattina la proiezione degli spot pubblicitari realizzati.

Il Programma “Made in Italy – Un modello educativo” è stato lanciato dal MIUR nel Novembre del 2015 con l’idea di accompagnare gli alunni nella comprensione della tradizione italiana ricercando le radici storiche, economiche, culturali e territoriali che fanno di questo marchio un unicum al mondo.

Il nostro Istituto è stato selezionato tra i 325 partecipanti, unica scuola della provincia di Terni e Secondaria di Primo Grado in Umbria, grazie al progetto intitolato “Made in Umbria”, incentrato su un percorso di conoscenza delle eccellenze territoriali della provincia, analizzando e promuovendo alcune realtà enogastronomiche e microimprenditoriali del territorio provinciale che affiancano un elevato grado di innovazione a un tessuto artigianale tradizionale.

Il progetto, premiato agli “Smart Education & Technology days – 3 giorni per la scuola”, la convention organizzata da Fondazione Idis-Città della Scienza e patrocinata dal MIUR, ha portato alla realizzazione, da parte degli studenti, di spot pubblicitari sui prodotti individuati, ricerche multimediali ed elaborazione di loghi e marchi, fino alla costruzione del portale web www.madeinitalyumbria.it dove sono raccolti e pubblicizzati in rete tutti i materiali prodotti, anche tramite un’apposita App.

Nella giornata del 16 dicembre, gli oltre 150 studenti coinvolti hanno presentato, nella sala Carroponte, le eccellenze selezionate nel nostro territorio in apposite postazioni, unendo il multimediale delle presentazioni digitali e degli spot ai prodotti esposti.

Nella Project Room è stato invece possibile visionare il sito dedicato al progetto, mentre la sala dell’Orologio ha opsitato la proiezione degli spot pubblicitari realizzati e il convegno finale di presentazione del progetto.

L’evento, dedicato alle scuole nella mattinata e a genitori e studenti nel corso del pomeriggio, ha contato oltre 600 studenti visitatori, dalla Primaria alla Secondaria, e una presenza pomeridiana altrettanto costante in tutti i settori dedicati. Oltre mille persone hanno quindi partecipato all’evento.

“Per gli studenti il Made in Umbria ha rappresentato un percorso formativo di altissimo livello – è la dichiarazione del Dirigente Scolastico dell’IC De Filis di Terni, prof.ssa Carla Riccardi – perché ha attraversato diverse fasi: dalla ricerca sul campo allo studio delle tecniche di promozione e marketing strettamente collegate alla tradizione locale, fino alla realizzazione di prodotti digitali di alta qualità progettati dagli stessi ragazzi insieme al contributo dei docenti e di esperti del settore. L’evento finale ha confermato quanto questo percorso abbia lasciato agli studenti anche da un punto di vista umano e sociale, con la capacità di parlare in pubblico, di esporre un argomento, di organizzare un evento e gestire le nuove tecnologie. Un ringraziamento deve andare soprattutto a loro e ai loro docenti, che hanno seguito passo passo il lavoro degli studenti, mettendo a disposizione professionalità non comuni e tempo ben oltre l’orario scolastico, permettendo a questi ragazzi di sperimentare e rafforzare quelle competenze chiave di cittadinanza che l’Europa pone alla base dell’educazione delle giovani generazioni”.